Le carte conto: Il conto corrente in una carta ricaricabile

Tutti i vantaggi di un conto corrente con i costi azzerati tipici di una carta prepagata? Oggi questo è possibile grazie alle carte conto, un nuovo strumento a disposizione dei consumatori italiani, assolutamente concorrenziale ed alternativo sia ai conti correnti tradizionali sia alle carte di credito, perché riesce ad includere le funzioni ed i benefici di entrambi in un unico prodotto.

Sì perché le carte conto possono essere considerate come delle carte ricaricabili con IBAN. Questo significa che il conto ad esse collegato può, ad esempio, essere utilizzato da chi svolge un lavoro dipendente per ricevere lo stipendio, e dai liberi professionisti o dagli artigiani per ricevere i compensi dai propri clienti o effettuare pagamenti verso i propri fornitori. Una carta con iban è inoltre la soluzione ideale per condomini o associazioni no-profit che vogliono dotarsi di uno strumento finanziario per operare in trasparenza e a zero spese.

Semplicità, chiarezza, zero rischi e zero sorprese rendono le carte prepagate con iban la soluzione ideale anche per quei giovani che aprono per la prima volta un conto bancario per lavoro, o perché magari si trovano lontani da casa per motivi di studio.

Le carte conto più convenienti

Carta conto
Voto
Richiedi La Carta Gratis »
viabuy
unicredit
che banca

Carte conto, conti correnti e carte prepagate: in cosa differiscono?

Le carte conto ed i conti correnti hanno in comune la possibilità di garantire qualsiasi tipo di operazione finanziaria da sportello, da bancomat o via internet laddove supportato, nonché la presenza di servizi accessori come il bancomat e la domiciliazione delle utenze domestiche.

In comune con le carte prepagate c’è la possibilità di utilizzare la carta conto per gli acquisti di beni e servizi sia online che presso i negozi tradizionali.

La differenza tra una carta conto ed un conto corrente tradizionale consiste nel limite di spesa: con le carte conto si può spendere solo il denaro effettivamente presente in deposito.

I vantaggi di una carta conto rispetto ai conti correnti sono soprattutto economici. Non ci sono infatti le spese di mantenimento del conto quali i bolli governativi che non sono obbligatori per le carte conto.

Inoltre, non potendo spendere più di quanto depositato, con le carte conto non si rischia di finire in debito con la propria banca. Ciò si traduce, alla fine, in un risparmio per l’utente visto che quest’ultimo non si troverà mai nella situazione di dover pagare interessi passivi dopo essere andato in rosso con il conto, ne dovrà mai farsi carico di uno dei balzelli più salati dell’ambito bancario, la commissione di massimo scoperto.

Alle carte conto si applicano, inoltre, gli stessi standard di sicurezza bancari offerti per i conti correnti tradizionali; questo significa che anche in caso di fallimento della banca il proprio deposito è protetto da un fondo apposito del Ministero del Tesoro per le somme non superiori a 100 mila euro.

Come richiedere una carta conto

La procedura per la richiesta di una carta conto è assolutamente identica a quella che andrebbe seguita per l’accensione di un conto corrente. In pratica bisogna recarsi in filiale (in alternativa si possono utilizzare i canali disponibili via internet o via telefono) per avviare la richiesta, e successivamente si deve fornire alla banca copia di un documento di identità e del codice fiscale.

Si può inoltre sveltire ulteriormente tutta la procedura fornendo l’IBAN del conto corrente di provenienza. In questo modo la banca presso la quale si sta richiedendo la carta conto contatterà la banca di provenienza per richiedere tutte le informazioni relative alla posizione del cliente, e si occuperà successivamente di tutte le formalità burocratiche da espletare.

Una volta attivata la carta conto sarà possibile subito utilizzarla come bancomat o come carta di credito prepagata, sia in Italia che all’estero.