Confronto tra banche: quali fattori valutare per la scelta?

Alle volte, anche magari a seguito di brutte esperienze pregresse, si può essere portati a dire che alla fine le banche sono tutte uguali. Finita però la sconsolazione iniziale e guardando la cosa in maniera più analitica è possibile percepire quanto invece il mercato bancario italiano sia assolutamente variegato; un confronto tra banche, anche superficiale, mette infatti subito in mostra differenze sostanziali da istituto ad istituto riguardo ai servizi offerti, alla loro qualità ed ai costi ad essi associati.

Oggi le banche sono foriere di un ventaglio di prodotti sconfinato che copre non solo i servizi bancari di base ma anche quelli legati al credito, agli investimenti ed alle assicurazioni. Tuttavia il caro vecchio conto in banca rimane il legame principale e più diffuso che, nel bene e nel male, lega decine di milioni di italiani alla propria banca.

Ecco quindi che, una comparazione tra le banche operanti nel nostro Paese passa in primis attraverso un attento confronto dei conti correnti da esse espressi. Ma quali sono gli elementi in base ai quali vanno confrontate le diverse offerte di conto corrente con cui le pubblicità provenienti da tv, giornali e web ci martellano quotidianamente? quali sono i principali fattori per capire quale conto corrente scegliere se si desidera cambiare banca?

Banche a confronto

CONTO CORRENTE
VOTO
APRI IL CONTO GRATIS »
conto widiba
(Buono Amazon Fino a 500 €)
che banca
conto corrente arancio
conto corrente unicredit
(Telepass gratis per 6 mesi)

Comparare le voci di costo e le voci di rendimento

Le voci che compongono le caratteristiche di un conto sono mille e i parametri da valutare se si desidera cambiare banca sono molteplici; tuttavia è possibile raggrupparle secondo due famiglie principali che sono le voci di costo e le voci di rendimento. Le voci di costo dettagliano tutte quelle che sono le spese derivanti dall’utilizzo del conto.

A loro volta esse si dividono in spese fisse (o una tantum) e spese variabili. Rientrano nelle spese fisse quelle per l’apertura e per la chiusura del conto, nonché i bolli governativi; mentre nelle spese variabili rientrano quei costi che la banca può addebitare al cliente in corrispondenza della fruizione di servizi particolari. Ad esempio una banca potrebbe rendere gratuiti i prelievi bancomat dai propri ATM e a pagamento quelli effettuati presso quelli di altre banche.

Nelle voci di rendimento vanno invece inclusi gli interessi bancari. Ad oggi i tassi sui conti correnti oscillano tra lo 0 ed il 2% lordo massimo; per questo molti risparmiatori decidono di spostare il proprio denaro verso forme di risparmio più redditizie come i conti deposito. La banca più conveniente? Semplificando estremamente il ragionamento, potrebbe essere definita come quella che nel confronto tra i rendimenti delle banche ci propone i tassi migliori e d’altro canto presenta minori costi di gestione.

Banche tradizionali e banche on line a confronto: quali convengono di più?

Ora la domanda è: sarebbe possibile in linea teorica azzerare completamente i costi di un conto corrente? La risposta è sì non solo in linea teorica ma anche linea pratica, e per rendercene conto basta dare un’occhiata a quelle che sono proposizioni commerciali attualmente in atto da parte delle banche on line.

Se si mettono le banche on line a confronto con quelle tradizionali, ci si rende subito conto che le prime hanno letteralmente rivoluzionato gli standard del settore, essendo riuscite a migliorare entrambe le due famiglie di caratterizzazioni di un conto corrente, ovvero quelle relative ai costi e quelle relative ai rendimenti.

In termini di spese fisse e variabili le banche tradizionali escono con le ossa rotte dal confronto con le banche online visto che queste ultime, nella stragrande maggioranza dei casi, hanno completamente annullato ogni tipo di spesa, anche quella relativa ai bolli.

Lo stesso risultato si ottiene se si mettono le banche online a confronto con quelle tradizionali rispetto ai tassi di interesse attivi garantiti sul conto, con una differenza di redditività tra versione online e versione non online che supera di gran lunga il 50% del tasso di interesse attivo medio offerto.