Qual è il conto corrente più conveniente?

Se c’è una minima speranza, in un contesto finanziario depresso come quello attuale, di riuscire a guadagnare qualcosa dai propri risparmi, quella speranza oggi ha il nome dei conti online, il modo più conveniente di gestire il proprio denaro, con maggiori libertà rispetto ai prodotti bancari tradizionali e maggiori margini di guadagno.

Operare su internet rivoluziona il nostro modo di gestire il denaro, prendendoci meno tempo grazie alla possibilità di eseguire tutti i principali tipi di transazione comodamente e con pochi click, direttamente dal nostro pc. Quelli online oltre ad essere i conti correnti più convenienti, sono prodotti che conservano tutte le normali garanzie di un conto bancario tradizionale sia per quello che riguarda la riservatezza, sia per quanto riguarda la sicurezza del denaro depositato, assicurato dal Ministero dell’Economia per cifre fino a 100 mila euro dall’eventuale rischio di fallimento della propria banca.

Scegliere il conto in banca più conveniente

Chiariti i vantaggi dei conti online, il primo passo da compiere è quello di scegliere un conto corrente conveniente sulla base delle nostre esigenze. La buona notizia è che le proposte non mancano affatto; tutte le banche che operano online stanno facendo a gara nel tentativo di accaparrarsi il maggior numero possibile di nuovi clienti e per farlo stanno proponendo conti correnti convenienti con tassi di interesse netti maggiori e spese sempre più ridotte all’osso se non proprio azzerate.

I conti correnti più convenienti: eccoli!

CONTO CORRENTE
VOTO
APRI IL CONTO GRATIS »
conto widiba
(Buono Amazon Fino a 500 €)
che banca
conto corrente arancio
conto corrente unicredit
(Telepass gratis per 6 mesi)

D’altronde proprio da questo compromesso (meno spese, più guadagni) si arriva alla selezione del conto corrente bancario più conveniente. Una selezione in cui tornano molto utili comparatori online come il nostro che permettono di mettere decine e decine di conti correnti a confronto, permettendoci di raccogliere in pochi secondi quella mole di informazioni che altrimenti raccoglieremmo in ore ed ore di navigazione su web.L’utilizzo dei comparatori di conti è molto semplice; si parte da una interfaccia in cui viene richiesto di inserire pochi dati personali, la frequenza di utilizzo di operazioni bancarie (rara, media, frequenta) e la cifra media che immaginiamo sarà depositata sul conto.

Il nostro comparatore esplora il web costantemente, analizzando ogni singolo prodotto bancario; alla fine viene stilata una lista in cima alla quale viene inserito il conto corrente bancario più conveniente ovvero quello in grado di offrire il maggior guadagno netto ad un anno dall’accensione del conto stesso. Nella classifica vengono riportate tutte le voci economiche del conto ovvero il tasso di interesse attivo e passivo (lordo, a cui va poi tolto il 20% per arrivare al netto) e tutte le spese sia quelle fisse come i bolli, sia quelle variabili come i costi relativi alle transazioni.

Da queste schede informative si riesce a vedere ad esempio che non sempre il conto corrente più economico è anche il migliore, perché magari, a fronte di zero spese, propone anche zero interessi. E si capisce invece che spesso può essere conveniente accettare di avere un conto con spese ma che ci fornisce un minimo di guadagni sulle cifre depositate.

Trovato il conto più conveniente, come aprirlo?

Una volta trovato il conto in banca più conveniente si può procedere all’apertura del conto stesso direttamente online. Per far questo potete richiedere l’attivazione del conto sul nostro sito e, solo in seguito, contattare la nuova banca.

L’apertura richiederà di procedere attraverso due fasi: la prima è quella di registrazione presso la nuova banca tramite l’invio dei propri documenti di riconoscimento (carta di identità e codice fiscale) e della modulistica firmata riguardante tutte le informazioni e le condizioni contrattuali.

Infine bisognerà procedere alla chiusura del vecchio conto presso la banca di provenienza (a meno che non interessi tenerne accesi due) e questo può essere fatto recandosi in filiale e o inviando disdetta attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno.