Quali sono i conti deposito con i migliori tassi?

Uno degli aspetti che più di altri, nel corso degli anni, ci ha fatto odiare i conti correnti era  (ed è) la loro totale “incapacità” di far fruttare il nostro denaro, anche quando sul conto sono presenti cifre considerevoli.Ed è stato proprio questo aspetto a favorire la diffusione dei conti deposito. I rendimenti dei conti deposito sono infatti nettamente superiori a quelli dei classici conti correnti; questo però a fronte di un paniere di servizi limitato alle sole operazioni di versamento e di prelievo.

Chi non conosce bene questa tipologia di prodotto può essere portato a pensare che gli interessi di un conto deposito siano un po’ sempre gli stessi, a prescindere dalla banca.Sbagliato! Basta infatti dare una veloce occhiata a quelle che sono le offerte in questo segmento di mercato per rendersi conto ad esempio, che i migliori interessi per un conto deposito, sono quelli offerti dalle banche che operano prettamente online.

Conti deposito che offrono i tassi migliori

Conto Deposito
Voto
Attiva Gratis il Conto »
che banca

Gli interessi non sono tutto

Il calcolo degli interessi di un conto deposito è certamente un fattore discriminante nella selezione dell’offerta migliore ma non deve essere l’unico. Per capire il perché consideriamo gli esempi dei conti deposito ad interessi anticipati, meglio noti come conti vincolati.

Se si analizzano le caratteristiche di questi prodotti si nota subito una loro prerogativa, ovvero la capacità  di assicurare il migliore tasso che un conto deposito possa offrire. Di contro però bisogna considerare che gli interessi migliori di un conto deposito vincolato sono conseguenza dell’obbligo di tenere il denaro “fermo” sul conto per tutto il periodo del vincolo, pena la perdita degli interessi stessi.

Un altro fattore da considerare sono le spese, soprattutto quando l’entità del deposito è molto bassa. Vanno infatti bilanciati i costi del conto con i guadagni attesi; per assurdo infatti, potrebbe essere più conveniente depositare il proprio denaro su un conto a basso rendimento ma a zero spese, piuttosto che su uno dove il rendimento e lievemente superiore ma viene rosicchiato da spese di gestione, tasse e bolli.