Quale banca scegliere per il nostro corrente?

Nonostante la crisi, il mercato finanziario italiano è in continua crescita. Aumentano il numero di conti correnti accesi e, di concerto, stanno anche aumentando le tipologie di prodotti disponibili in questo settore. Il mondo dei conti correnti cerca di rincorrere il cambiamento in corso, un cambiamento che abbraccia le metodologie e le abitudini di acquisto nonché le modalità di gestione del proprio risparmio.

La ricerca dei conti correnti migliori

Con l’avvento di internet la differenziazione in questo settore è ulteriormente aumentata e chiunque in tale scenario trova senza problemi il conto corrente che fa alle proprie esigenze. Chi ancora non l’ha trovato si domanda invece: quale conto corrente scegliere? Come semplificare la scelta del conto corrente? La risposta è ancora una volta internet. Conticorrentiaconfronto.it vi permette di confrontare i conti correnti in pochi step: la scelta risulta in questo modo molto semplificata.

Banche consigliate

Conto corrente
Voto
Apri il Conto Gratis
01.Logo
conto corrente arancio
conto myunipol
conto widiba
che banca

Quale tipo di conto corrente scegliere?

Prima di scegliere il conto corrente che fa al caso nostro, è opportuno definire l’elenco di servizi di cui avremo bisogno per capire in che tipologia di clientela rientreremo. Sul mercato esistono infatti conti correnti differenziati in relazione alla clientela a cui sono rivolti.

Esistono conti correnti rivolti alle famiglie, con i soliti servizi base come le movimentazioni di denaro online (bonifici, pagamenti di bollettini, etc), gli assegni e le carte di credito, ed esistono poi conti correnti per aziende nonchè prodotti più semplici come quelli rivolti ai pensionati o agli studenti. Solitamente questi ultimi sono tipologie di prodotto semplificate, con un numero limitato di servizi associati e per questo disponibili a costi contenuti.

Altre tipologie di utilizzo sono quelle richieste da chi opera sul commercio e che perciò fa un utilizzo massivo del conto corrente: quale scegliere? Per questa tipologia di cliente l’ideale è un conto zero spese per tutte le operazioni di prelievo, pagamenti o deposito di denaro. Allo stesso tempo va valutata anche la possibilità di accoppiare al proprio conto prodotti di finanziamento come i fidi ed i mutui a breve termine, indispensabili per chi opera nel commercio.

Conto online o vecchio conto corrente, quale conviene? Non ci sono differenze sostanziali nella tipologia di servizi a cui è possibile accedere. Tuttavia i conti online a differenza di quelli tradizionali sono normalmente più economici e offrono una maggior libertà di utilizzo; qualsiasi operazione può infatti essere eseguita anche comodamente da casa e non solo in banca.

Quale conto corrente conviene aprire? Banalmente la risposta è indirizzarsi verso quei prodotti che ci permettono di usufruire di tutti i servizi che ci sono necessari ed al costo minore possibile. Per effettuare questa valutazione si possono utilizzare i simulatori presenti su internet, che permettono di conoscere in anticipo l’ammontare dei costi e dei guadagni relativi alla gestione del proprio conto corrente presso tutte le principali banche online italiane.

Chi non dovesse avere dimestichezza con gli strumenti informatici può invece far riferimento all’ISC, l’Indicatore Sintetico di Costo, il foglio informativo che riporta dettagliatamente tutte le voci di spesa e di guadagno relative al prodotto che si intende acquistare.

Scegliere la banca: consigli utili

Una volta decisa la tipologia di prodotto di nostro interesse si può passare alla seconda fase: aprire il conto corrente. Ovviamente questa fase presuppone che la scelta della banca sia stata già effettuata. Se invece si è in dubbio anche su che banca scegliere può essere utile valutare ancora una volta i costi  proposti dai vari istituti di credito nonché le possibilità di guadagno offerte.

Scegliere una banca è anche un’operazione che ha a che fare con il rapporto fiduciario tra cliente ed istituto di credito; in questo campo le conoscenze personali possono tornare utili per scegliere una banca, tuttavia va detto che tutti gli istituti autorizzati ad operare sul territorio italiano ed aderenti all’ABI offrono praticamente le stesse garanzie in termini di sicurezza e trasparenza.

Se dunque un istituto opera esclusivamente online, questo non deve destare sospetto e può essere tranquillamente preso in considerazione quando si sta decidendo in quale banca conviene aprire un conto corrente.

Le regole d’oro su come scegliere la banca possono essere in definitiva le seguenti: affidatevi alla matematica e trovate quale banca è in grado di farvi spendere di meno e guadagnare di più (attraverso il nostro comparatore e tramite l’ISC), informatevi in maniera dettagliata su tutte le condizioni contrattuali e non abbiate paura di sperimentare nuove tipologie di prodotti bancari.