Il rendimento del conto corrente: cos’è e come si calcola

Il rendimento dei conti correnti è da sempre considerato un sogno irrangiungibile per i correntisti italiani. Si perché in Italia, per qualche motivo, per anni ci siamo abituati a dare per scontato che il nostro conto in banca fosse solo una fonte di spese e mai di guadagno.

Eppure, attraverso i nostri depositi, saremmo noi a dover guadagnare sulla base dei tassi del conto corrente. Invece questo per tanto tempo non è accaduto perché in media il rendimento di un conto corrente era pari a zero. Gli interessi dei conti correnti sono quel rendimento che la banca ci riconosce per avergli “prestato” del denaro attraverso i nostri depositi. Depositi che la banca a sua volta rimette in circolo in nuovi prestiti a terzi (con tassi di interesse più alti) o in investimenti di natura finanziaria, immobiliare o industriale.

Come calcolare i rendimenti dei conti correnti

La domanda è: dato un conto corrente, il rendimento come lo calcolo? Per rispondere a questa domanda bisogna conoscere innanzitutto il rendimento netto che la banca ci offre. Questo a sua volta si calcola considerando il tasso di interesse lordo (che è solitamente anche quello pubblicizzato) a cui va sotratto il 20% (tasse).

Una volta definito il tasso di interesse netto si può procedere al calcolo vero e proprio. Supponiamo di considerare un deposito minimo sul nostro corrente di 10.000 euro. Per minimo si intende che sul conto durante l’arco dell’anno non ci deve essere mai una cifra inferiore a questa, altrimenti il calcolo viene falsato.

Supponiamo poi di avere un tasso di interesse netto del 2%. Il nostro rendimento a fine anno (nelle condizioni di cui sopra) sarà di 10.000 x 2 /100 euro, ovvero 200 euro. Questa è la formula più semplice per il calcolo degli interessi del conto corrente. Se durante l’arco dell’anno il deposito ha superato in alcuni momenti la cifra minima il rendimento sarà anche più alto, e viceversa.

Come ottenere il miglior rendimento? Con i conti online e i conti deposito

Posto che, come detto, nei prodotti bancari tradizionali non esistevano conti correnti ad alto rendimento, il “modo migliore” per arrivare a “rendimenti migliori” è quello di provare nuove strade, come quella dei conti correnti online.

Conti ad alto rendimento

Conto Remunerato
Voto
Attiva Gratis il Conto »
conto widiba
(Interessi 2,5%!)
01.Logo
(Interessi 1,25% - B. Amazon 100€)
che banca
(Interessi 1,8%)

Un ulteriore strada per ottenere rendimenti più alti consiste nella scelta di investire i propri risparmi nei conti di deposito. Si tratta di una tipologia di conto corrente ad alto rendimento proposto ormai da tutte le principali banche e soprattutto online. Con il conto deposito la banca assume la proprietà della cifra depositata per un certo periodo di tempo definito nelle condizioni contrattuali; durante lo stesso periodo il cliente ha un accesso limitato alle cifre depositate. Inoltre il conto deposito prevede una serie di servizi molto limitata rispetto ai conti correnti tradizionali. Questo “patto” tra banca e cliente fa sì che la prima possa garantire al cliente un conto corrente ad alto rendimento che altrimenti non sarebbe possibile realizzare.

L’altro aspetto positivo dei conti deposito è che molto spesso gli interessi capitalizzati vengono restituiti al cliente anche in anticipo rispetto al periodo di giacenza, anche se questo però finisce per abbassare il tasso di interesse netto applicato dall’istituto bancario.